sabato 28 luglio 2012

ERBA TREMA ALL'ARRIVO DI RAYDEN



Si parte, Direzione Erba. 

E' un caldo mercoledì di luglio, il termometro segna 33 gradi.
Sembra tutto nella normalità, ma in questa cittadina del comasco no. 
Oggi si festeggia la notte bianca e in un noto locale del posto, l’Hocus Pocus, presenzierà con un live Rayden, uno dei tre componenti dei Onemic.

Al mio arrivo incontro dei cantanti conosciuti la domenica prima ad Anzano del Parco.


Subito si è instaurato un rapporto d’amicizia, come se ci conoscessimo da anni. 

Sono lì perché oltre a montare il palco per il live, un loro membro della crew, Badkong, in questa serata presenta ufficialmente il suo ultimo album.

Ne approfitto allora per saperne di più.

Andiamo all’interno del locale, ci sediamo ad un tavolino, e Badkong, circondato dagli altri membri, inizia a spiegarmi che ha iniziato a fare rap fin da ragazzino (dal 1998), andando controcorrente,  la moda  e gli stili musicali del tempo.

Dislout Clan e Pitch
Nel 2009 nasce il gruppo “Mood” composto dallo stesso Badkong e Tone.
Col tempo si forma anche una crew,  la “Dislout Clan” (Badkong, Tone, Golha, Sisma, Thias e Zeta Ing)

Badkong è al quarto album ( uno personale: “Memorie di un’adolescente” 2008; due mixtape nei Mood: “Hoolymood Mixtape” 2010, "FreshFire Summertape" 2011, e quest’ultimo mixtape personale): “Black Karma vol.1”. 
In questo mixtape, formato da 18 canzoni, l’autore ha collaborato con vari feat nei suoi brani, tutti giovani emergenti della zona (Como/Lecco).

Prima di terminare ha tenuto farmi sapere che stanno costruendo un loro studio di registrazione e che ogni loro sacrificio, incasso od entrate varie vengono utilizzati per ampliare e migliorare questo sogno.

Terminato il temporale, che era durato  tutto il tempo dell’intervista, tutti si mobilitano per installare le casse, il mixer, microfoni…. Ma ancora una volta, appena finiti i primi test ricomincia un altro scroscio d’acqua.

Rayden alla prova volumi
Ci si scherza su, ma questa serata inizia a preoccupare e non poco.

Ci si ritira tutti sotto a un gazebo e si raccontano aneddoti. I vecchi ricordi emergono come un fiume in piena e insieme a questo fiume arriva anche la star della serata: Rayden.

Dopo i saluti, abbracci le prime risate vista l’inclemenza del tempo si pensa a continuare in allegria con una pizza e così lo staff del locale inizia un giro pizza improvvisato.

Finalmente le nubi si diradano, e si apre il sereno. Oltre al cielo diventano sereni tutti e finalmente possono fare tranquillamente tutte le prove volume.

Appena conclusi i propri “doveri” Rayden si dirige verso di me per fare l’intervista.

A farmi da supporto e giornalista per una sera è Valentina, una giovane ragazza intraprendente, simpatica che ha accettato subito senza alcun timore questa avventura, forse perché vive già in questo mondo essendo la ragazza di Pitch (grande dj e organizzatore d’eventi oltre amico dei presenti).

Cerchiamo una zona appartata e tranquilla all’interno dell’Hocus Pocus e iniziamo l’intervista.

MxP: E’ stata dura scegliere tra la carriera di rapper/beatmaker e quella di avvocato, oppure avevi già chiara la vita da rapper come si può intuire dalla canzone “Fin Qua” (feat Neroargento)?

R: Hai già risposto. E’ sempre stato un mio pensiero fisso. Fin da quando avevo 16 anni ho sempre pensato alla musica. Sono partito senza aspettative e senza mete e ho iniziato a costruire una realtà, ho trasformato la mia passione in un lavoro.

MxP: Il tuo ultimo album e terzo singolo da solista, che presenti anche stasera, è “L’uomo senza qualità”. Come mai la scelta di questo titolo?

R: La scelta è stata influenzata da ciò che si esprime in tutto il disco. E’ una sorta di provocazione.
Non c’è bisogno di essere un Messi o uno Shakespeare della situazione, si parla di un uomo che dal nulla è riuscito a raggiungere i propri traguardi attraverso step e vari passaggi intermedi.
Volontà, metodo, voglia di arrivare e riuscire a concretizzare i propri obiettivi. Bisogna saper gestire le proprie qualità!
E’ un inno alla caparbietà e alla dedizione.

Mxp: In “Trinità” fai notare come nei Onemic non siate dei semplici cantanti che stanno insieme solo per lavoro, ma c’è molto di più e da molti anni. E’ anche vero che con Raige collabori dall’inizio (Stray doggs) mentre Ensi è arrivato successivamente quando, come ha affermato lo stesso Raige, avete iniziato a lavorare in modo professionale. E’ nato subito questo feeling?

R: Il nostro è stato un percorso naturale, un processo spontaneo. Fin dai primi anni delle superiori ero sempre a casa loro (Raige ed Ensi) a provare e a creare i primi dischi / demo. Piano a piano ha iniziato ad ascoltarci, a interessarsi a questa musica fino ad appassionarsi e iniziare a provare anche lui.

MxP: Dal tuo vero nome (Marco) sei passato ad usare pseudonomi come “Rayden” e “Faccia d’Angelo”. Sei veramente un angelo o c’è anche un po’ di diavolo in te e nelle tue canzoni?

R: ahahah solo “faccia”, senza “angelo” come tutte le cose non bisogna fermarsi mai alla prima apparenza, è un modo per far provocazione e portare tutti a guardare sempre oltre.
Per dirlo come un proverbio potremmo pensare a “l’abito non fa il monaco”.

MxP: Ultimamente sei sbarcato anche in tv con “Le donne e il calcio” che è diventata la sigla della trasmissione di Sport Italia “Speciale Calciomercato”. Come vedi questa cosa? Un’opportunità in più o l’hai presa solo come sfida e divertimento?

R: E’ una soddisfazione enorme.
L’ho scritta spontaneamente, pensando solamente alle mie due passioni, appunto le donne e il calcio.
Va fuori dallo stile classico delle mie canzoni. Penso che ognuno debba reinventarsi e valicare nuove prospettive, provare nuovi stimoli. Fare questo non significa però snaturarsi, ma mettersi in gioco provando diverse atmosfere.
Spesso sono ospite anche in trasmissione, mi piace stare in tv, ma per ora voglio concentrarmi soprattutto sulla musica, in futuro ….magari mi piacerebbe vedermi come opinionista sportivo.

MxP: Quindi la canzone rap può andare anche in tv?

R: La forza della canzone è che non è proprio rap, ma musicalmente è volutamente un pezzo goliardico. E’ più un tormentone stile “Supercafone”, una canzone simpatica.
Dopo averla scritta è stata messa on line e twittata a Criscitiello. 
Subito si è scatenato un giro di twit, numerosi “mi piace”, tanto da scaturirne la curiosità del direttore di TuttoMercatoWeb  ad ascoltare il pezzo.
A questo punto ho ricevuto inaspettatamente e improvvisamente la telefonata di Sport Italia e ne sono molto orgoglioso. Questa canzone funziona perchè viene ascoltata da un pubblico eterogeneo, dal ragazzino al pensionato. Il fatto che piace ed è orecchiabile me l’ha raccontato lo stesso Pedullà, che andando al bar a prendere un caffè la cameriera gli ha canticchiato la sigla.


BadKong
Rayden fa cantare il suo pubblico
Terminato corre dai suoi amici della Dislout Clan per ascoltarli, sostenerli, esser lì con loro mentre a suon di canzoni, battute, gags scaldano e preparano il pubblico di Erba accorso in massa per questa serata.
Anche la presentazione del disco di Badkong è un successone.

Ed ora è il suo momento, sale sul palco e scoppia un boato, la gente presente aumenta di colpo, son tutti lì per osannare il grande Rayden, ascoltare e cantare con lui le canzoni in programma.

Non devono aspettare molto, infatti il rapper tiene caldo il suo pubblico, cerca sempre di interagire con loro, vuole che cantino anche loro e con suo stupore le canzoni le conoscono a menadito, sia quelle nuove sia quelle di vecchia data.



Il palco trema, anzi, tutta Erba trema, iniziato con un pomeriggio disastroso è finito tutto con una serata memorabile, da entrare negli annali del rap.



A testimonianza di  questo entusiasmo ci pensa anche Karim che sul palco, in modo goliardico, fa entrare in una canzone una frase modificata ripresa da un testo dello stesso Rayden:  “Non guardo Fiorello né la Carrà, ma sono ad Erba con Rayden e Dislout Clan”.
Tutto questo  rappresenta la gioia, il legame che c’è tra questi ragazzi e questa frase è stato il proprio ringraziamento per esser potuto salire su quel palco con loro.



Cantanti sì, ma amici prima di tutto. Si vede anche mentre cantano che c’è una grinta in più, qualcosa che molto spesso, purtroppo, non si nota sempre, tanto da trovarci davanti un cantante che esegue la propria scaletta e va via.

Rayden e Golha
Onore a Rayden e questa crew. Continuate così ragazzi, tenete alto il vero spirito della musica.
BadKong, Rayden, Karim

Mentre mi dirigo oramai verso casa, dopo aver salutato tutti i miei “nuovi amici”, perché mi han fatto sentire tale, noto come la notte bianca sia al termine.

Le strade iniziano a svuotarsi, ma Rayden è ancora lì, circondato dai suoi fans, chi per una foto, chi per un autografo e chi solo per scambiare una battuta, ma a tutti, ripeto a tutti, ha sempre dato un sorriso.


E’ questo che fa grande un artista e lui lo sa. 

Complimenti!




Un ringraziamento particolare lo devo fare a Valentina che mi ha supportato e senza preavviso.
Ringrazio anche Rayden per la concessione dell’intervista e la Dislout Clan per le ore passate insieme e perché no, anche per la pizza.


Big up a tutti voi ragazzi…. Siete memorabili!!


a fine concerto i complimenti vanno anche a dj Rex
Rayden mostra fiero il regalo dei suoi fan

redatto e foto by grey power
aiuto redazione: Valentina





lunedì 23 luglio 2012

RAIGE: LIVE COL BOTTO!




Cari lettori a inizio mese vi avevamo lasciato con un quiz: Chi sarà il personaggio famoso?" e questa sua frase come aiuto: “Quando mi dirai che il rap non è musica dirò che c’hai ragione tu perché il rap non è musica, è molto di più”.

 

Raige

Avete indovinato chi è???
Sì proprio lui, Raige!!!

 

Questo giovane cantante, in tour per presentare il suo ultimo album, e già successo, “Addio”  lo abbiamo incontrato ad Anzano del Parco (CO) presso il “Cafè degli Artisti”.

 

…ma andiamo in ordine.

 

Ieri 22 luglio 2012 in un caldo pomeriggio estivo mi son diretto con la mia collaboratrice verso la meta designata.

 

Luca insieme al sindaco

Mano a mano che procedevamo si aprivano davanti a noi spazi sempre più verdi, lasciandoci dietro il grigiore della città, strade immerse nei boschi…. fino ad arrivare in questo grazioso paese.

 

La location è stata il “Cafè degli Artisti” che per l’occasione ha allestito nello spazio antistante  un palco.

 

Al nostro arrivo si stavano già esibendo alcune giovani promesse in freestyle battles e open mic protrattesi fino a sera.

In altri spazi allestiti c’era la zona per i writers dove si progettavano, con passione, le opere che sarebbero state messe in esposizione lungo tutto il palco per il grande concerto.

 

Lo staff "degli artisti"

Dopo una piccola supervisione dell’insieme ci siamo diretti verso il proprietario, Luca, un ragazzo baywatch style, abbronzato e palestrato ma anche molto simpatico, alla mano e disponibilissimo, tanto da andare subito a cercare il “contatto” per avvisare lo staff di Raige, (che successivamente ho scoperto essere una bella e simpatica ragazza), del nostro arrivo. 

 

Col passare delle ore si dirigevano verso di noi delle minacciose nubi nere e un vento freddo e fastidioso, ma questo concerto non poteva essere rovinato e come se lo sapessero anche loro hanno cambiato direzione.

 

Finalmente il grande momento è arrivato.

 

Si dirige subito verso di noi la ragazza che lo segue nei tour e fa da contatto stampa, ci presentiamo, scambiamo qualche parola e decidiamo dove sarebbe meglio fare l’intervista.

 

Raige, Luca e il Campari

Eccolo, lì davanti a noi, ma prima di iniziare si concede un aperitivo insieme a Luca, perché è sempre l’ora del Campari! 

 

Ci sediamo in un tavolino, l’aria che si respira è bellissima, sembra di essersi ritrovati tra vecchi amici, e come diciamo spesso, questo è molto bello ed è ciò che cerchiamo, così ci si lascia andare più facilmente, si scambiano alcune battute… insomma non bisogna aver paura di nessun gossip, perché a noi, come la maggior parte di voi lettori che ci seguite, non interessa.

 

L’intervista entra nel vivo…:

 

Mxp: Prima dei Onemic collaboravi  negli Stray Doggs con cui hai fatto anche due ep: “Da sempre” e “Big Bang Evolution”. Non avevi il timore di perdere una fascia di fans che già vi seguivano?

 

R: Non era possibile perdere fans, perché non esistevano ancora. A supportarci nelle lavorazioni dei demo erano soprattutto gli amici.

Quando si è iniziato a lavorare in maniera professionale si è dato vita ai Onemic.

 

MxP: Alcuni fans ritengono che utilizzi, a volte, strumentali troppo elettroniche per il tuo genere. Sei d’accordo con loro?

 

R: A me piace la contaminazione musicale, l’artista deve avere il coraggio di compiere delle scelte, di osare, senza farsi condizionare da ciò che pensa che la gente.

 

MxP: In questo mondo musicale, dove all’apparenza siete tutti amici, non hai paura della figura di tuo fratello (Ensi) sempre più “in vista” in tv, sul web…?

 

R: No, tutt’altro. Con lui ho un ottimo rapporto e sul lavoro una sana competizione. All’inizio avevamo circa lo stesso numero di fan, ma quest’anno li ha raddoppiati.

Questo mi fa molto piacere ed è uno stimolo in più per migliorare e fare come lui.

 

MxP: Con questo nuovo album “Addio” testimoni la tua maturità dove, superati i momenti di rabbia e gli eccessi istintivi, acquisisci consapevolezza e trovi il tuo equilibrio. E’ solo questo o sotto le righe troviamo altro?

 

R: Bisogna sempre leggere tra le righe. “Addio”  è un saluto definitivo, è un segno di passaggio del passato che uno si è lasciato dietro.

 

MxP: Qual è la canzone del tuo repertorio che ti piace di più o ti ha segnato maggiormente?

 

R: Ce ne sono molte a cui sono legato ed ognuna per motivi diversi.

 Se devo proprio sceglierne una è : “Mai”.

 

MxP: Che rapporto hai coi tuoi fans?

 

R: Capita di avere un gruppo di fan che fanno tanta strada per seguirmi nei concerti e per questo li ringrazio.
Se il primo giorno dall’uscita del nuovo album, ho raggiunto il 19° posto della classica FIMI dei dischi più venduti in Italia, battendo anche Norah Jones, è solo merito loro.

Con loro cerco di avere un rapporto diretto. Nelle pagine ufficiali, facebook e twitter, visto gli impegni che ho, vengo aiutato da altre due persone, ma ai messaggi privati ai fan, rispondo esclusivamente io.



Dopo una piccola pausa, per riposarsi anche dal viaggio appena fatto, inizia il concerto vero e proprio.

A scaldare il pubblico a suon di musica, battute e un confronto diretto col pubblico ci han pensato Golha, Badkong, Tuono Lirico…

 

Ed ecco il grande momento, Raige sale sul palco e improvvisamente tutto lo spazio sottostante si riempie di gente e un unico boato  echeggiava il suo nome.

 






Raige rende partecipi i suoi fan

L’aria diventa sempre più fredda, ma a scaldare tutti ci pensa questo grande cantante, con tutti i suoi migliori pezzi, l’ultimo singolo “Addio” e anche qualche richiesta del pubblico.

 

Raige canta e salta insieme al suo pubblico





















Mentre spiega a tutti certe scelte, che davanti a loro c’è un nuovo Raige, che quello vecchio non c’è più ecco che, quasi per magia e coincidenza, appaiono anche i fuochi artificiali come a coronare questo evento.

 





un ragazzo pieno di grinta







Che dire, ha fatto una serata col botto!!!! 

Big up per lui!

 

 

Un grosso applauso, da far tremare il palco, lo dobbiamo fare tutti insieme al Dislout Clan che ha reso possible questo evento. Infatti questi ragazzi sono un gruppo di rapper/beatmaker che, oltre a produrre musica, sono una crew molto attiva ad organizzare eventi hip hop nella zona comasca. Impianto audio, spazi per i writers, tutti i contatti per aprire questo live sono solamente merito loro. Complimenti!



Ringraziamo:

Lo staff di Raige e lo stesso Raige per averci dato questa opportunità.

Luca del Cafè degli Artisti per la sua disponibilità.




Redatto e foto by Grey Power e La Scià





sabato 21 luglio 2012

DOLCE(BEACH) CONTEA!


parte della contea insieme a Tave (Enmicasa)



Denominata così "la Contea di Origgio" si sta facendo sempre più strada nelle zone provinciali del paese.

Noi di Musica x Passione li abbiamo incontrati in una delle serate più hot della loro settimana, che ormai
segna come un punto di ritrovo abituale: il giovedì al dolce beach!

Entrati in questa atmosfera, incontriamo il gruppo composto da: Christian (denominato "IL SINDACO" della Contea),
Davide (Sonny), Gianfranco, Gianluca, Marco, Andrea Pacciani e le loro rispettive "Girls"...

Ma Torniamo un attimo indietro...

La Contea nasce nel Luglio del 2011 da un gruppo di ragazzi con la voglia di farsi notare, di divertirsi, di far festa
con gli amici sempre e comunque...

C'è chi entra e c'è chi esce ma in fondo i migliori restano sempre o almeno così si dice...

Cristian, "il sindaco"
Cominciamo l'intervista : (risponde il "sindaco" e Sonny)

A: "Come definisci la Contea? Cos'è la Contea?"
C: "La Contea è un gruppo di amici che ha come obiettivo divertirsi, unirsi, ritrovarsi..."
A: "Che mi dici allora del Cd (LA CONTEA) che avete pubblicato in collaborazione con Melo (artista rap saronnese)"?
C: "Noi abbiamo collaborato con Melo attraverso gli skit (interludi parlati). Le canzoni poi molte volte sono state
    create dalle serate che abbiamo trascorso insieme. Tutto nasce da lì... magari parlavamo tra di noi e Melo dai
    nostri discorsi tirava fuori la canzone..."
A: "Come mai avete scelto come simbolo di vostra rappresentanza donne, motori e bandiera sudista??"
C: "Bè io ho una grande passione per le moto, le macchine e i motori americani, sono un patito di questo genere"

Mi rivolgo all'altro componente del gruppo.....

Sonny e due membri della contea
A: " Che mi dici tu della Contea?, Per te cosa rappresenta?"
S: " Sottoscrivo tutto quello che ha detto lui" Cosa ti ha detto?"
A: " Che la Contea nasce con un gruppo di amici con in comune la voglia di divertirsi, far festa nei locali, star insieme"
S: " E' così.., stiamo sempre insieme dopo il lavoro/scuola"
S: " guarda.."

mi fa notare un tatuaggio sul braccio..

S: " Questo è il nostro tatuaggio "

Noto che anche Christian ha marchiato sul braccio lo stesso simbolo con la scritta "LUGLIO 2011"...
...Come un patto di sangue ricoperto di inchiostro ...

C: " il 28 Luglio festeggiamo l'anniversario della Contea, stesso giorno del mio compleanno"
A:.. mi rivolgo a Sonny ..." Che rapporto hai con Christian?"
S: " C'è un rapporto come zio/nipote, lui essendo più grande mi da questo senso, mi ha tirato lui dentro la Contea"
A: " Quanti anni hai?"
S: " 20, vado ancora a scuola"
A: " Che scuola fai?, Che vuoi fare da grande?"
S: "Il turistico, perchè mi piacerebbe fare l'animatore turistico in giro per il mondo, viaggiare, altrimenti mal che
    mi vada lavorare in un'agenzia di viaggi"
A:" E per quanto riguarda le canzoni, cantare, scrivere che mi dici?"
S:" E una cosa che mi è sempre piaciuta fare, ma che non ho mai fatto "

Terminata questa breve intervista, resto a osservare ..

La musica rimbomba, le luci riflettono i volti dei ragazzi che ballano, luci, flash colorati...

Noto che il carattere e la personalità di Christian restano coerenti con le mie sensazioni precedenti....

(Questo era Christian, " il Creatore della Contea ", un uomo forse frenetico, impavido che vive non tralasciando tempo
al caso ma con forza investe il proprio tempo, denaro ad un progetto in cui crede e questo è ciò che si nota conoscendolo.
Sicuramente non il solito, perchè di personalità si parla e lui in pochi minuti è riuscito a mostrarmela destando curiosità
e perchè no, anche un pò di insolita concretezza...)

Noto che tutto ciò che è passione, molte volte risulta azzardato, che con un progetto si rischia sempre e comunque,
che l'amicizia che lega più persone può essere un grande tesoro così come un grande bluff...

In fondo questi ragazzi stanno rischiando sulla loro pelle, almeno ci provano...

C'è chi ne è più convinto, chi meno; chi pensa, chi se ne frega... ma in fondo è così che va il mondo da queste parti...!



La serata è continuata così tra un drink e un altro, tra un flash e una risata, tra un bacio e una carezza,
tra un ballo e una movenza...

La Contea è questa!

E chissà che in futuro ci possa essere una collaborazione tra noi di Musica x Passione e la stessa Contea...

Non perdete ulteriori sviluppi, al momento non possiamo dirvi altro!



Redatto da A.
Foto by Grey Power

martedì 10 luglio 2012

I CLUB DOGO AL FURA




Sabato 7 luglio al Fura di Lonato (bs) si sono esibiti i club dogo.


Purtroppo non siamo riusciti ad essere lì con la nostra "troupe" a questo evento quindi ci siamo affidati ai nostri amici di "Superstar".




Superstar sono un gruppo appena nato, formato da ragazzi con o senza esperienza nelle pubbliche relazioni, 
ma con tanta voglia di fare e organizzare, quello di sabato 7 al Fura è stato il loro pimo evento "importante" a cui hanno partecipato.

Importante nel senso di rilievo e con personaggi così famosi.






Questo il loro resoconto:


Appena giunti al locale nel parcheggio c'era una bell'aria, i ragazzi erano carichi, pronti per i loro miti.


All'interno ci siamo resi subito conto che era tutta un altro tipo di serata, diversa dalle solite che siamo abituati a seguire, sia per tipologia di musica che per tipologia di clienti, ma ci si deve abituare a tutto.



Il mondo hip hop oggi come oggi è molto seguito e la maggior parte da un pubblico giovanissimo e multi etnico.


Nella zona dove è stato allestito il Palco, per scaldare e intrattenere il pubblico, giovani principianti dell'hip hop si esibivano con i propri pezzi.


La sala continuava a  riempirsi, l'attesa si faceva sempre più sentire, erano tutti lì con le mani in alto
che urlavano "DOGO-DOGO-DOGO".


Poi all'improvviso un boato, si vede arrivare qualcuno, "ECCOLI" ha urlato qualcuno, ragazzine che facevano la coda per l'autografo, altre che urlavano di gioia.
L'atmosfera che si respirava era uguale a quella di un concerto a San Siro.


Già, erano arrivati, parte la presentazione, parte la canzone , tutte le mani al cielo a tempo di musica, salgono 
sul palco ed inizia lo show , 5 minuti e poi partono con il Tormentone "CHISSENEFREGA IN DISCOTECA".


Finita la canzone si rivolgono ai loro fan:


"NOI RESTIAMO QUI SIAMO QUI PER VOI E RESTIAMO QUI, A FARCI LE FOTO CON VOI E A FARVI GLI AUTOGRAFI. VI ASPETTIAMO"


Parte il dj set, la gente si accalca per farsi le foto coi loro beniamini, tutti escono felici, anche solo per aver 
stretto la mano ai loro miti, aver passato qualche minuto con i Dogo.


Un'esperienza unica che mi farebbe piacere ripetere anche con altri artisti.




Queste sono state le sensazioni dello staff. Se c'è qualche fan che era presente ci farebbe piacere sentire anche la sua opinione.




Che dire ragazzi... deve essere stata proprio una serata fantastica.


Grazie per la collaborazione ragazzi del Superstar.




Redatto e foto by staff Superstar
superstar su facebook

mercoledì 4 luglio 2012

MARCO CARTA VOLA IN CANADA


Il giovane cantante sardo, vincitore della 7 edizione di Amici nonché della 59° edizione del Festival di Sanremo è volato in Canada.

Domenica 1 e Lunedì 2 Luglio si è esibito in 2 set da 45 minuti l'uno al Festival "Chin International Picnic" a Toronto, in Canada.

A dispetto di chi lo voleva già alla deriva, il giovane 27 enne è stato invitato negli States per cantare i suoi più grandi successi, da "Dentro ogni brivido" al suo ultimo singolo "Mi hai guardato per caso" tratto dall'album Necessità Lunatica.

Come lui stesso ha annunciato tramite la sua pagina ufficiale di facebook è stato un successo e un'emozione unica.
"É andata benissimo!!!"
"eccoci... Stasera è andata ancor meglio di ieri, in tutti i sensi..
Porto nel cuore la prima Standing Ovation Canadese..
Porto nel cuore questo grandissimo calore che mi da una pace e un equilibrio notevole per me che sono forte ma a volte debole.. ... "
Insieme al suo splendido Staff, che lo segue e lo protegge e insieme al suo immancabile pubblico che lo coccola e lo vizia  Marco Carta ancora una volta ha firmato una sorprendente e importante Standing Ovation.
L'amatissimo cantante cagliaritano continua a stupire...

Terminata questa meravigliosa avventura, Marco Carta si sta preparando alla registrazione del suo singolo in spagnolo, dal titolo " CASUALMENTE MIRASTE".

Intanto Marco parteciperà a serate e eventi locali dove presenterà il suo ultimo album NECESSITA' LUNATICA.

La prima tappa dopo il suo grande ritorno è : Domenica 8 Luglio al Festival Show di Padova alle ore 22.30 presso Prato della Valle.

RIFLESSIONI PERSONALI sul cantante :

Nonostante i pochi apprezzamenti ricevuti dalla critica, talvolta dai giornali non si è mai arreso ma ha sempre continuato a lottare,lavorare e sperare per la musica, la SUA musica. Ha sempre cercato di fare le scelte migliori per coltivare i propri sogni, ha sempre sostenuto il suo progetto di vita, ha scavato nei suoi sentimenti per far delle proprie emozioni MUSICA, ha spesso regalato sorrisi ingenui e ha appoggiato forse pensieri estremi ma ci ha sempre creduto, non si è arreso e ad oggi continua a seguire con Rispetto e Umiltà la sua strada, con interferenze, incroci forse, ma sempre per un unico obiettivo: VIVERE !
Vivere di quella MUSICA che rappresenta la VITA !

Questo è il messaggio più bello che un giovane cantante può e deve trasmettere al pubblico !

redatto da A. D.


martedì 3 luglio 2012

HEINEKEN JAMMIN' FESTIVAL 2012





Stanno per iniziare gli heineken jammin festival e in
occasione della quattordicesima edizione dell’Heineken Jammin’ Festival che, quest’anno,
debutta a Milano, dal 5 al 7 luglio presso Fiera Milano Live (Rho), Heineken lancia due nuove e imperdibili bottiglie da collezione.
L’edizione limitata, disponibile da fine aprile 2012, è un omaggio alla città di Milano. Le due bottiglie riproducono infatti lo skyline milanese
rendendo alcuni simboli storici della città – il Duomo, la Torre Velasca, il Castello Sforzesco e l’Arco della Pace – parti integranti di un contesto urbanistico
che ha la musica come protagonista.

Domani 4 luglio  è prevista una nuova CONFERENZA STAMPA che illustrerà tutte le novità sull’Heineken Jammin’ Festival 2012

La selezione musicale più ambita rivolta alle band emergenti, organizzata da Heineken in collaborazione con Rock TV, ha visto protagonista
più di 2000 gruppi musicali iscritti. Purtroppo di queste solo 5 saliranno sul palco e sono state selezionate da 10 giudici "vip":
Enrico Ruggeri (cantautore, musicista e presentatore tv), Stef Burns (musicista e chitarrista storico di Vasco Rossi), Cristina Scabbia (voce femminile dei Lacuna Coil), Carlo Virzì (regista, autore, cantante e compositore), Francesco Godi (Produttore, arrangiatore e fondatore dell’etichetta 
Best Sound), Daniel Marcoccia (giornalista musicale), Daniele Menci (Head Of Music – General Manager di Sony Music Entertainment Italy),
Alberto Cutolo (professionista dalla ventennale esperienza nel settore mastering e produzione), Pino Scotto (musicista e personaggio TV),
Max Brigante (direttore artistico di Rock TV, dj e pr

Una grande area all’aperto, collocata alle spalle dei padiglioni, sarà destinata alla manifestazione.

Per l’occasione un enorme manto di erba sintetica (9000mq), da calpestare e su cui scatenarsi durante i concerti, sarà steso davanti al  palco principale.

Come dalla migliore tradizione del Festival, infatti, non solo si potrà assistere alle imperdibili performance, ma avere anche
esperienze irripetibili grazie allenumerose attività che sarranno organizzate all’interno dell’area.

Saranno infatti attrezzate delle aree specifiche:

MUSIC EQUILIZER AREA
Una delle assolute novità di quest’anno sono i nuovi contenuti digitali: gli spettatori avranno infatti la possibilità di diventare protagonisti
di un insolito e personalissimo videoclip musicale all’interno del Music Equilizer Area.

VILLAGGIO SPORTIVO
Non mancherà un villaggio sportivo con 5 campi da basket e 2 da volley, dove sarà possibile confrontarsi con i propri amici.

AREA LOUNGE
Per rilassarsi nelle ore più calde, invece, a disposizione di tutti un’ampia area lounge: una zona relax allestita con comodi cuscini dove riposarsi
tra un concerto e l’altro. Per rinfrescarsi e refrigerarsi non potevano mancare dei veri e propri nebulizzatori giganti.

Per chi volesse rinnovare il proprio look in maniera ironica e rock torna anche quest’anno la Custom Area con professionisti del body e nails painting e
del make up “artistico”.


CONTEST

5 luglio
15:00 HJF CONTEST
17:15 Enter Shikari
18:20 Pitbull
19:50 Noel Gallagher's High Flying Birds
21:45 Red Hot Chili Peppers

6 luglio
15:00 HJF CONTEST
16:20 Seether
17:25 Lostprophets
18:35 Evanescence
20:05 Chase & Status
21:45 The Prodigy
23:40 Gorillaz Sound System

7 luglio
15:00 HJF CONTEST
16:35 Il Cile
17:15 The Parlotones
18:20 Crystal Castles
19:50 New Order
21:45 The Cure
A seguire: AUDREY NAPOLEON

PREZZI BIGLIETTI:

semplice (1 giorno): da €63,25 a €74,75
VIP Experiences (3 giorni): €172,50

CHI SARA' IL PERSONAGGIO MISTERIOSO?


Molto presto avremo un'intervista in esclusiva solo per tutti voi di Musica per Passione e relativa recensione del concerto....
...restate quì con noi

Non state nella pelle e volete provare ad indovinare??
Ecco un aiutino:

"Quando mi dirai che il rap non è musica dirò che c'hai ragione tu perchè il rap non è musica, è molto di più"

Avete indovinato?